IL NOSTRO BLOG

 

 

Parole a prua

mag 21, 2018
Il capitano della Champion Jet 1, il trentacinquenne Giorgos Vazouras, parla con entusiasmo della vita a bordo e dimostra che non solo nella condizioni avverse si può dire chi è un buon capitano.

Sono nato a Volos quindi ero estate e inverno vicino al mare. Ma non pensavo di diventare un marinaio. Mi sono trovato quasi per caso in questa professione. Durante i primi viaggi non ero molto entusiasta. Tuttavia, attraverso l'apprendimento, con il tempo ho iniziato ad amare il mio lavoro fino al punto in cui non posso più vivere senza. Amo la libertà mentale e la suspense che mi offre. Certo, ci sono momenti in cui si cade in una routine, ma in qualsiasi momento può accadere qualcosa di diverso. Sulle navi passeggeri, dove ho lavorato per gran parte della mia carriera, il carico più "imprevedibile" è in ogni caso l'uomo. Trasporti anime umane e, naturalmente, questo crea un enorme senso di responsabilità.

Quando la nave è carica di gente, allora sentiamo di contribuire davvero. Tuttavia, ci sono situazioni in cui ti senti utile anche se non ci sono passeggeri. In passato, ho lavorato su una linea che collega isole secondarie. In inverno, combatti in un porto al solo scopo di consegnare un pacchetto di medicinali perché la vita di una persona può dipendere da questo pacchetto.

Indubbiamente, ci sono difficoltà nella vita di un uomo di mare. La natura e il tempo sono fattori imprevedibili, quindi per quanto ti senti sicuro, non dovresti mai sopravvalutarti. Poi, c'è anche l'isolamento caratteristico imposto da questo lavoro. Su qualsiasi linea uno lavori, e per quanto spesso uno possa tornare a casa, si è sempre molto lontano da essa. A volte pensi "Faccio questo viaggio sulla linea e torno a casa ogni giorno", eppure, in effetti, ti stai prendendo in giro, dato che le ore in cui ritorni a casa possono essere molto poche e a tarda notte. Sono giunto alla conclusione che l'unico modo per fare questa professione è con l’appoggio della propria famiglia. Altrimenti il pensiero sarà sempre a terra, quindi non puoi offrire le massime prestazioni né distinguerti. Sono sposato e ho una figlia piccola e molte volte l'ho portata con me a bordo. Le piace stare sul ponte di comando con me.

Negli anni passati ho lavorato su navi convenzionali. La grande differenza tra una nave ad alta velocita e una convenzionale è la pressione del tempo. Se combatti contro i minuti su una nave convenzionale, su quelle ad alta velocità lo fai contro i secondi. La velocità è sempre importante in ogni cosa che fai: la velocità con cui effettuerai le manovre in porto, la velocità con cui viene caricata la nave. Molti fattori determinano l'ora finale.

Con la mia nave attuale, Champion Jet 1, ho un legame speciale. Ho avuto l'onore di essere presente alla consegna in Gran Bretagna nel 2015. Questa nave mi ha iniziato alle navi ad alta velocità e su di essa sono diventato capitano per la prima volta. In effetti, sono stato io a comandarla dalla Gran Bretagna alla Grecia. Questo viaggio di cinque giorni è stata un'esperienza straordinaria per me e una grande fonte di conoscenza su questa particolare nave. Sono molto lieto che Seajets dia ai giovani opportunità di questo tipo.